Skip to main content
x

AIM Festival

AIM Festival

Si è concluso sabato al Parco degli Aironi, AIM Festival, evento affiliato ad altri festival partner, con il sostegno di sponsor e partner tra cui Erone Onlus. Aim, dall'inglese bersaglio da mirare, rappresenta l’obiettivo da raggiungere e in questo caso mirava ad aggregare persone, con la stessa passione, desiderose di trasmettere emozioni, sensazioni e creare atmosfere uniche. Il richiamo è stato troppo forte e abbiamo deciso di sposare quest’iniziativa. La vera garanzia di successo terapeutico in oncologia non differisce molto da questa idea, perché è la capacità di fare squadra che fa la differenza. Se immaginiamo il paziente come un pilota di Formula 1, la vittoria dipende dalla sua capacità di correre, ma anche e soprattutto dal fatto che a ogni pit-stop, esiste una squadra che sa fare bene il proprio lavoro.

“Un festival per giovani - nelle parole del suo ideatore Jonathan Polotto - organizzato da giovani, diversamente diverso, perché la diversità è sempre un punto di forza, perché il diverso è qualcosa di positivo, la novità non ci deve spaventare, ma anzi incuriosire, conservando un po’ quell’ingenuo stupore che avevamo da bambini”. Nel corso dell’evento, abbiamo parlato di web: nell’epoca di internet il problema dell’informazione passa anche attraverso al fenomeno virale delle fake-news. Almeno il 70% di chi ha il sospetto di un tumore si affida alla rete, cliccando su un qualsiasi motore di ricerca, e scegliendo il percorso di cura. La mancanza di competenza genera però il rischio di incappare in vere e proprie truffe. Internet resta, uno strumento irrinunciabile della società moderna e fondamentale per crescere. Senza comprendere questi meccanismi si rischia inevitabilmente di perdersi. Ecco l’idea che mi ha spinto a creare un modello condivisibile in rete e sicuro, il portale supportoncologico; fare rete, usando la rete, così da raccontare l’oncologia in maniera seria, dal punto di vista del cittadino comune. Fornire gli strumenti, non per informare, ma per formare una coscienza oncologica.

 

Condividi